Appartamenti per le autonomie

Il progetto è nato nel 2008 dal desiderio di alcuni ospiti di disporre di uno spazio più riservato per sé e per incontrare amici e famiglia. Rappresentano una soluzione per chi richiede una assistenza più leggera rispetto alla RSD o si appresta a tornare nella propria abitazione e ha bisogno di ambientamento e addestramento all’uso delle tecnologie domotiche.

Lo scopo di questo progetto è quello di creare un ambiente in cui persone con disabilità fisiche possano vivere valorizzando le abilità personali: un percorso per sperimentare e consolidare i livelli di autonomia acquisiti con la supervisione e il supporto di operatori e tutor qualificati.
Condizione essenziale per la partecipazione al progetto è la capacità di autodeterminarsi poiché sono previsti momenti in assenza di operatori di cui è comunque assicurata la reperibilità in caso di necessità urgenti.

Gli appartamenti sono dotati di apparecchiature domotiche, gestibili anche da tablet e smartphone. Tutti gli strumenti a disposizione possono essere personalizzati e tarati in base alle esigenze. Le figure professionali presenti sono principalmente sanitarie e educative.

Gli ospiti possono inoltre usufruire dei servizi del Centro Diurno Disabili (CDD) quali la fisioterapia, la piscina terapeutica, i laboratori, l’area tecnologica e il supporto psicologico in base al percorso personale definito con il rispettivo tutor.

I periodi di permanenza possono essere a breve, medio o lungo termine, in base all’evolversi della situazione personale e sociale di chi li intraprende.
Gli appartamenti per le autonomie non sono attualmente soggetti all’accreditamento regionale e non usufruiscono di contributi se non quelli previsti dai Comuni di provenienza.